Skip to content

Guida allo Studio

Rilascio di certificati

Text

In Italia, nell'ambito di una progressiva semplificazione delle procedure burocratiche, i certificati sono stati rimpiazzati dalle dichiarazioni sostitutive (art. 15 della legge n. 183 del 12.11.2011).
Le pubbliche amministrazioni possono rilasciare e richiedere i certificati solo in via eccezionale.

I cittadini non devono più presentarli alle pubbliche amministrazioni e possono avvalersi delle dichiarazioni sostitutive.

A unibz

Anche unibz può rilasciare certificati (ad. es. di iscrizione) solo per le eccezioni previste per legge.

In Italia presso le pubbliche amministrazioni gli studenti possono presentare dichiarazioni sostitutive della certificazione. Se vi è consenso tra le parti, l'autocertificazione può essere utilizzata anche nei rapporti tra privati.

Attenzione: dichiarare il falso costituisce reato penale!

Utilizza le dichiarazioni sostitutive precompilate: basta stamparle, controllare i dati in esse contenuti e firmarle.

Eccezioni

unibz può rilasciare certificati esclusivamente per i seguenti utilizzi:

  • per privati in Italia
  • per l’estero
  • per la questura ai fini del rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno.

Come previsto dal D.P.R. n. 642/1972 e successive modifiche, sia le certificazioni che le richieste di rilascio devono essere corredate, fin dall’origine, da una marca da bollo secondo il valore vigente (16,00 Euro).

Nei casi di esenzione dall’imposta di bollo previsti dalla normativa, il richiedente non è tenuto ad apporre la marca da bollo, né sulla richiesta di rilascio, né sul relativo certificato. È obbligo del richiedente, al momento della presentazione della richiesta, indicare con precisione l’uso cui il certificato è destinato.

Se hai bisogno di un certificato (certificato di iscrizione, certificato esami, certificato di laurea, con o senza esami) per uno dei motivi sopra indicati, sei pregato di utilizzare questo modulo.
Nel caso di richiesta di certificato in carta semplice, nel modulo dovrai barrare l’utilizzo ed il riferimento normativo che prevede l’esenzione dall’imposta di bollo.